skip to Main Content
〈 IBZ Sito istituzionale 〉

L’istituto Zaccagnini lancia un nuovo modello d’insegnamento e presenta il programma dei corsi dell’anno scolastico 2021/2022 fondato sulla “didattica integrata”

L’istituto Zaccagnini Lancia Un Nuovo Modello D’insegnamento E Presenta Il Programma Dei Corsi Dell’anno Scolastico 2021/2022 Fondato Sulla “didattica Integrata”
  • News

Dalla prima decade del 2000 l’involuzione dei consumi e del reddito e che quasi tutti gli indicatori economici hanno certificato, con l’eccezione dell’export, un lungo ciclo economico recessivo che ha coinvolto  Il mercato dei prodotti ottici e il contesto in cui agisce che avevano subito una profonda trasformazione strutturale.

Nel corso di questo trend prolungato il  21 febbraio 2020 scoppiò a Codogno, in Lombardia il primo focolaio della pandemia da Covid 19 di cui è difficile immaginare un qualche tipo di conclusione prima del  2022.

Su questo “scenario di guerra” sono ulteriormente intervenuti correttivi, di segno positivo e negativo quali:

  • Il consolidamento dell’Alleanza Essiilor-Luxottica – competitor globale – fondata su principi organizzativo-economici innovativi per il settore (integrazione verticale delle filiere, capacità globale di acquisizione di nuovi mercati, dominanza dell’alto di gamma – leader del retail ottico, efficienza della logistica, che di recente ha integrato nella sua organizzazione anche il settore Scuola e Formazione come preannunciato dall’acquisto della scuola di ottica di Vinci) sta provocando il ribaltamento  dello scenario  competitivo in  equilibrio da  30 anni.
  • In un mercato in lunga contrazione (quello del retail ottico) il rapporto di peso competitivo fra imprenditori indipendenti di piccola e media dimensione, soprattutto regionale e nell’area captiva della professione ottica dell’ottico, patrimonio naturale del retail e le grandi concentrazioni, sta evolvendo a loro favore e  questo annullerà il carattere storico, indipendente e di prossimità, della rete di vendita.

In questo ciclo di trasformazione, accelerato da due anni di Covid, gli ottici al di fuori delle grandi concentrazioni, si potrebbero trovare ad essere contemporaneamente sia concorrenti, sia clienti del suo retail, del wholesale, dell’industria e della Formazione Professionale  .

Condizione economica e psicologica non gradita che potrebbe avere, a breve conseguenze molto negative per tutta l’altra metà della filiera ottica, quella indipendente vedendo di fatto ridotta la loro autonomia imprenditoriale.

Partendo da questa visione del mercato, formata in mezzo secolo di esperienza internazionale scientifico/didattica, in costante relazione con i segmenti produttivi della filiera ottica, l’Istituto Zaccagnini – IBZ, il  leader nazionale della scuola e della formazione in Ottica e Optometria, ha constatato l’opportunità/necessità, per il circuito distributivo delle piccole e medie aziende, delle catene regionali e degli ottici indipendenti, di proporre un nuovo piano di studi per gli ottici /optometristi fondato sull’ampliamento delle competenze e delle pratiche professionali, in breve la figura dell’ottico post-Covid:

Un professionista della visione  Specializzato in ottica e Optometria, in continuo aggiornamento professionale, sorta di ECM privato, che nei suoi skills introduce elementi di flessibilità in funzione delle diverse funzioni di prossimità, di grandi superfici, e delle diverse attese delle tipologie di clienti con  cui si trova ad operare, arricchito dalla  lunga conoscenza di Marketing Retail tramessa da IBZ in forza dell’esperienza maturata  negli ultimi 30 anni, con alle spalle un percorso scuola/lavoro realizzato a diretto contatto con l’industria.

Due anni di impegno nel conflitto “didattica in presenza/a distanza” hanno consentito all’Istituto di individuare nella   “didattica integrata”  lo strumento per mettere in campo questo  programma di formazione  del  professionale dell’ottico, basato sulla fusione dei programmi e della didattica scuola e formazione (ripensamento in termini estensivi, delle discipline, delle materie, dei corsi, delle pratiche professionali e  delle cliniche), razionalizzazione ed efficienza degli impegni di studio delle varie modalità.